A.S.eR.C Associazione studi e ricerche criminologiche
  Psicopatologie
 

 

PSICOPATOLOGIE

 

 

 

Alcune delle più importanti e diffuse patologie psicologiche:

 

 

 

 

I Disturbi dell'umore

 

  L'individuo che è afflitto da un Disturbo dell'Umore solitamente mostra un umore sotto tono o eccessivamente su di giri per un periodo di tempo più o meno lungo, da un paio di settimane ad anni ed anni. 

  In caso di umore depresso vi è anche una forte tristezza giornaliera e l'incapacità di provare gli stessi positivi piaceri  precedentemente invece provati nel fare attività. 

  
Dunque la persona che soffre di depressione si sente continuamente a terra ed i suoi pensieri e sentimenti sono molto spesso fortemente negativi. 

 

In tal modo l'esistenza si trasforma in dolore continuo che porta l'individuo all'incapacità di apprezzare qualsiasi cosa.

 

I Disturbi d'ansia

 

I Disturbi sessuali

 

 Le disfunzioni sessuali sembrerebbero imputabili ad un cattivo funzionamento di una delle quattro fasi che costituiscono il ciclo della risposta sessuale.  

Dunque i Disturbi sessuali possono aver luogo in una o più di queste fasi. Tali fasi sono:

 

Sia nell'uomo che nella donna i disturbi della fase del desiderio sono il


2. La "fase dell'Eccitazione" che consiste nelle sensazioni di piacere sessuale e nelle contingenti modificazioni fisiologiche come l'erezione del pene e la lubrificazione e la dilatazione della vagina.

Nell'uomo il disturbo più frequente della fase dell'eccitazione è il


3. La "fase dell'Orgasmo" costituita da un picco di piacere sessuale; nell'uomo l'eiaculazione e nella donna le contrazioni ritmiche delle pareti vaginali.

Nell'uomo il disturbo più comune della fase dell'orgasmo è l'


4. La "fase della Risoluzione" rappresentata da una sensazione di rilassamento muscolare e di benessere generale. 

 

 

  I

 

 

 

I Disturbi del controllo degli impulsi

 

La caratteristica principale dei Disturbi del Controllo degli Impulsi è data dalla difficoltà della persona a resistere ad un un particolare impulso.

 

 

Una sorta di desiderio che essa non riesce a rimandare ed ancor meno a dissolvere; in tal modo la necessità è quella di appagare tale impulso nel minor tempo possibile.

 

Solitamente l'individuo afflitto da un Disturbo del controllo degli impulsi avverte un sentimento di progressiva tensione, agitazione ed eccitazione poco prima di mettere in atto l'impulso a livello comportamentale.

 

Nel momento successivo all'azione impulsiva egli sperimenta piacere, sollievo e/o gratificazione.

 

La perdita di controllo a favore di un improvviso ed incontrollabile impulso porta la persona verso la messa in atto di una azione potenzialmente dannosa per sé e per gli altri.

 

Infatti prima, durante e/o dopo tale azione possono comparire, con intensità e conseguente danno all'area sociale, familiare, lavorativa, affettiva, etc., i

 

DISTURBI PSICOTICI

 

  

estratto da: http://www.cpsico.com

 La "fase del Desiderio" contraddistinta dalle fantasie e dai desideri sull'attività sessuale.Disturbi del sonno

In generale la Psicosi si riferisce alla manifestazione di deliri e/o di allucinazioni rilevanti di qualsiasi tipo, al linguaggio disarticolato e/o al comportamento disorganizzato, bizzarro o catatonico e al distacco dalle emozioni e dagli avvenimenti propri ed altrui.In specifico la caratteristica comune dei Disturbi Psicotici è la presenza di un allontanamento psicopatologico dall’ambiente che circonda la persona, e di difficoltà a progettare ed iniziare delle attività e a provare sentimenti ed emozioni nei confronti degli altri individui.Dunque i Disturbi Psicotici sono evidenziati da forti alterazioni dell’equilibrio psicologico dovute alla lontananza dalla realtà esterna e ad intensi disturbi del pensiero.I Disturbi Psicotici hanno infatti come principale caratteristica la presenza di
 Disturbi della forma del pensiero,ovvero alterazioni del flusso delle idee, fino alla loro incoerenza, e alterazione dei nessi associativi;
 Disturbi di contenuto del pensieroovvero deliri;
 Disturbi senso-percettivi, ovvero allucinazioni uditive, visive, olfattive, tattili, gustative.

Per quanto detto chi è afflitto da un Disturbo Psicotico non riesce più ad affrontare la vita sociale, affettiva, lavorativa, familiare a causa di pensieri fortemente disturbati, all'offuscamento dell'attenzione e della concentrazione, e all'affievolimento dell'iniziativa e del piacere di parlare e relazionarsi con gli altri e di fare e progettare attività in generale.
Solitamente i Disturbi Psicotici hanno inizio durante il periodo adolescenziale o nella prima età adulta e molto spesso sono il risultato di fattori psicologici, fisiologici e genetici, ma non sono ancora chiare le precise cause dietro all'insorgenza di tali disturbi.
Certi fattori psichici, come intenso e cronico stress, possono innescare o influenzare negativamente una personale predisposizione a sviluppare un Disturbo Psicotico.

 

Con il termine psicopatologia si intende indicare una situazione di disagio individuale contraddistinta da una sintomatologia di origine psicologica. 

 
  L'Aserc ha avuto fino ad oggi 148787 visitatori (560876 hits) GRAZIE!!!  
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=